giovedì 27 agosto 2009

Una Sventagliata di Ottronzo

Lo so, lo so, una vera crafter dovrebbe aborrire posti come Accessorize...ma io ho mai detto di essere una vera crafter? Faccio solo finta... Comunque, a me Accessorize piace, mi piacciono le borse, le sciarpine e i cerchietti etc, chiaro che non compro bigiotteria, magari sbircio soltanto. Qualche giorno fa sono entrata in negozio, allettata dal cartello SCONTI 70% ed ho fatto un acquisto di cui sono fierissima! Due bag charms scontatissimi, 2 euro e fischia l'uno, di quel materiale...quello, l'ottronzo! Con una modica spesa di cinque eurini, mi sono ritrovata in mano pezzettini di catena, ciondoli, ciondoloni, anellini e ganci. Ho la vaga idea che, se mai fossi riuscita a reperire tutto ciò in altro modo, avrei speso molto ma molto di più... Resta sempre il dubbio se si tratti di ottone o bronzo, ma sui cartellini di Accessorize non ci sono né gli ingredienti, né i dati per la tracciabilità... quindi il mistero rimane.

Ecco il primo prodotto del mio cut&paste, disfa&rimonta, distruggi&da nuova vita, sì insomma... ci siamo capiti.
Preso pezzi di catenine sparse, unite a formare lunga catenina, appeso ciondoletto ventaglio, appesa perlozza super finta (in dotazione al bag charm), aggiunto mia amata sfaccettata (non in dotazione nel bag charm), fatto chiusura con miseri chiodini lunghi poco più di 2 cm e fine. E ho ancora un sacco di materiale da usare!



Cambiando argomento, qualche giorno fa la mia amica Piccolo-Chimico (anzi, grande chimico con laurea) Helena mi ha inviatato a partecipare ad un giochino blogghistico-letterario. Non ho mai partecipato a cose simili, e presumo che questo rimarrà un caso isolato, ma mi sembrava un'idea interessante.
Il gioco consiste nel citare la quinta riga di pagina 161 del libro che attualmente stiamo leggendo, e di invitare altre cinque amiche di blog a fare altrettanto.
Veniamo alla mia quinta riga di pagina 161:

I carefully conceal'd my uneasiness, and readily pretended to...

ed è tratta da Fanny Hill or Memoirs of a Woman of Pleasure di John Cleland.
In quanto all'invitare altre cinque persone, anche se sono sempre avida di nuovi titoli, raccattati qua e la, preferisco non farlo.
Un'ultima cosa, per chi si sia chiesto: Pretended to...che?! pretended to consent to stay with him.

7 commenti:

Vanesia ha detto...

Anche io adoro Accesorize...ma la tua ri-creazione sicuramente è migliore!!!!

Helena ha detto...

Accessorize è il paese dei balocchi per me, ma l'idea di sfruttare gli sconti è ancora più bella (il tuo risultato del cut&paste è sempre ottimo!), e poi si può cmq prendere spunto dai loro gioielli per crearne di simili e magari meno costosi!..grazie per il grande chimico, ancora mi fa impressione quando mi dicono "dottoressa", figuriamoci "grande chimico"!..e W ottronzo!!

Sara Pacciarella ha detto...

Beh senti, tante cose di accessorize sono davvero belle, perchè non ammetterlo? Poi...se qualche pezzo scontato passa tra le mani di una fanciulla simpatica e creativa come te, siam tutti piu' contenti! Mi piace il motivo dei ventagli e l'ottronzo con quel verde e il perla, un bijoux vero e proprio! I like it!
Ti stramuao ottronzolina mia!
Sara.

SABRI ha detto...

Brava brava, è così che si fa, ottimizzare le risorse!!!

Perline e bottoni ha detto...

Io lo faccio quasi sempre di combrare ciofeche e smontarle per recuperare perle o distanziatori. Le mie collane sono pezzi unici non per snobismo, ma proprio perchè finito il materiale di "recupero" non si puo' replicare. Io adoro Accesirize. Ai saldissimissimi riesco a comprare delle inutilità mostruose, come i cerotti neri coi teschi o dei nastri adesivi micro coi cuoricini o dei timbrini fashion.Per non parlare dei vestitini da bambina che compro per mia figlia. Ma mi sa che sono uscita fuori tema...

Val_ ha detto...

Grazie Vanessa,
cavoli, non pensavo che Accessorize avesse tante fan!

Helena,
aka grande chimico, in effetti i prezzi di accessorize a volte sono senza senso... è per questo che sono così fiera quando trovo i saldi!

Sara,
sì sì, infatti stavo scherzando. Io mi sono innamorata di Accessorize a Londra ed è stato un amore che non rinnego. Ok, niente a che fare con i gioielli fatti a mano, ma quanto meno ha un suo stile, ha un sacco di scelta, e di certo non è banale come certe linee super costose vendute in gioielleria che a me non dicono proprio niente.
Poi da Accessorize c'è l'ottronzo. Meglio di così! ;)

Sabri
non butterò via nemmeno un anellino di quei bag charms! Tutto fa brodo.

Paola,
sarai anche uscita fuori tema ma quei vestitini... oddio quanto vorrei avere sette anni! Poi in certi Accessorize ci sono anche collezioni di Monsoon, che in Inghilterra è una catena a sé stante, con abbigliamento da ragazza e donna, ma che nel negozio in cui sono stata io ha solo vestiti per bimbe piiiiiccole, da qualche mese a pochi anni, c'erano degli abitini da volar via, sembrava di stare in una casa di bambole.
Beh, i cerotti neri con teschi sono una vera chicca, l'unico difetto è che non si possono smontare! :)

Buona giornata a tutte,
Valeria

Fata Bislacca ha detto...

A me l'otronzo mi fa impazzire. Detesto l'ottone ed il bronzo, proprio non riesco a farmeli piacere, ma da quando tu hai lanciato l'otronzo non ne posso più fare a meno!!!
Buona, ottima crea-domenica!!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...